giovedì 30 agosto 2018

La copertina di «San Calogero il santo nero» di Eduardo Cicala e Peppe Cumbo

Deve essere interessante questo libro. 



La copertina - con un primo piano della statua del santo - invita alla riflessione. O no? "Testo tradotto in inglese, con foto a colori ed in bianco e nero", disponibile al Mudia (Museo diocesano di Agrigento)  e in librerie di Agrigento: Il mercante di libri e Paoline di via Atenea, Libreria Deleo di via XXV aprile, Promenade dei templi in via Passeggiata archeologica, Foto Lazzano in via Dante, Welcome Tourist in Salita Madonna degli angeli.     

I corpi dell'uomo e della donna sempre puri. La Bibbia, San Francesco, Johann Baptist Metz ed Ermes Ronchi

Magari non si condivide tutto ciò che scrive padre Ermes Ronchi nel commento Il cuore di pietra la malattia meno diagnosticata.

Ogni cosa è pura: il cielo, la terra, ogni cibo, il corpo dell'uomo e della donna. 

Ma scrive sempre in maniera molto interessante. Con una scrittura che affascina il mondo "virtuale" delle reti sociali. 



Deuteronomio, Salmo 14, la Lettera di Giacomo ed il Vangelo di Marco questa settimana nel commento di giovedì 30 agosto 2018.

mercoledì 29 agosto 2018

Il Vangelo di Giovanni, Giosuè, il Salmo 31, la Lettera di San Paolo agli Efesini ed Ermes Ronchi

«Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?» e «le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita».



Accade talvolta, caro frate Ronchi, che il Vangelo di Giovanni incuriosisca e faccia riflettere notevolmente in misura maggiore del suo commento al vangelo su Avvenire. Sicuramente nel suo testo mi ha colpito il riferimento al'insuccesso di Gesù Cristo. Quanti insuccessi abbiamo nelle nostre vite quotidiane! E che leggerezza in un Dio che si fa lieve come un'ala... Interessante nel vangelo di Giovanni anche il riferimento alla manna.


Giosuè. Quanto alle letture consigliate, il libro di Giosuè (24, 15) è un antenato di questo passo evangelico: 

  Che se vi sembra duro servire il Signore, sceglietevi oggi stesso chi volete servire, se gli dei che hanno servito i vostri padri di là del fiume, o gli dei degli Amorrei nella cui terra voi abitate. 

Salmo. E che "vecchiaia" triste nel Salmo 31!

 Sì, consunta nella tristezza è la mia vita,
è abbattuto nell'afflizione il mio vigore,
e disfatte sono le mie ossa.
[...] Sono tutto raggrinzito come un morto,
senza vita, come un oggetto consunto.
Sì, ho udito la diffamazione di molti,
terrore da ogni parte!
quando uniti contro di me tennero consiglio
e deliberarono la rovina dell'anima mia.
Ma io in te confido, o Signore;
lo confermo: il mio Dio sei tu:
nelle tue mani stanno le mie sorti;
liberami dal potere dei miei nemici
e da coloro che m'inseguono.

Agli Efesini. Più difficilmente "digeribile" al marito di oggi - o forse di tutti i tempi - la Lettera agli Efesini di San Paolo, 5, 21- 32. Quanti mariti felici ci sono che tradiscono le proprie mogli! E queste mogli sono ugualmente felici dopo decenni di matrimonio ed accettano il tradimento del marito, nonostante tutto!

Ed una lettrice ed un lettore della pagina Facebook di padre Ermes Ronchi scrivono su Santa Teresa d'Avila e su San Bonaventura.

lunedì 27 agosto 2018

La chitarra battente di Francesco Loccisano. Fabio Mariani con «Domenica bestiale» di Fabio Concato e «Bellezze in bicicletta» e Biréli Lagrène con «Can't Take my Eyes off You» e «Isn't She Lovely»

Conoscete la chitarra battente? A quanto pare sarebbe uno strumento antico che è stato suonato da Francesco Loccisano, un chitarrista che ho conosciuto virtualmente su You Tube (lì il mio profilo è CMMusica, se volete iscrivervi). Lui avrebbe collaborato con Eugenio Bennato, Gianna Nannini e Vinicio Capossela. Se me lo chiedete posso scrivervi di queste collaborazioni. 

Tutto ciò l'ho appreso tramite DoReCiakGulp di Vincenzo Mollica al Tg1, ma non attraverso quel tg. Lo guardo, infatti, pochissimo. L'impressione è che il modo in cui Loccisano suona questa chitarra sembra quasi un po' zingaro, tzigano, anche un po' mediterraneo e "struggente". 

Lagrène. Ricordando un classico, magari non interpretato così bene ed anche un po' noioso, troppo "lentamente", la meravigliosa Can't Take my Eyes off You... E Biréli Lagrène ha suonato anche Isn't She Lovely insieme a Sylvain Luc in Best Moments. Molto migliore sicuramente e molto più fedele all'originale. Se volete posso anche scrivervi degli altri brani di questo disco. O della simpatica e velocissima Belleville in Gipsy Project

Mariani. E che freschezza la versione più jazzistica di Fabio Mariani di Bellezze in bicicletta! E la sua versione di Domenica bestiale di Fabio Concato quasi in jazz "notturno"! E c'è anche un assolo di chitarra.

sabato 25 agosto 2018

Cortometraggi del Farm Film Festival 2018

Conosco Gaspare Macaluso, uno degli esperti tecnici di suono in presa diretta che ha collaborato con fiSOlofia di Nicola Palmeri, le cui musiche sono di Leo Curiale, Riky Ragusa, Giuseppe e Mario Di Franco e Gino Finocchiaro. Fiati di Marco Di Salvo e Vincenzo Canalella. Suoni un po' tzigani ed est europei o montalbaneschi. E speriamo che i miei ex studenti non vedano il trailer di questo corto...     

La colonna sonora di Raffaele D'Anello per il corto Il tratto ha le caratteristiche tipiche delle musiche per film con orchestra (forse) ed il pianoforte.

Tanta elettronica e molto computer oppure strumenti per le musiche di Alessandro Marrosu per il cortometraggio "Framed"?
  



Oppure strumenti musicali?  


Le musiche di Eyes di Maria Laura Moraci sono cantate da Jacquiline Maria Ferry e David Ambrosini. Arrangiamento di Giacomo Vitullo. "Il mio giovane e libero amore" e "Il tempo delle cose inutili" dei Management Del Dolore Post Operatorio.

Non so, invece, di chi siano le musiche di Allafinfinfirifinfinfine, il film breve con le confessioni di Paolo Villaggio. Suoni molto "cialtroni" che incuriosiscono. Musiche molto "drammatiche" all'inizio di La cattedrale sul mare, sull'ex fabbrica di laterizi Sieci di Scauri (Minturno - Lt). Quasi new age o con suoni simili elettronici la colonna sonora di Odio il rosa di Margherita Ferri.   

Nessun video, infine, per Il bacio. Due marionette disegnate benissimo ed un bacio.

Le birre al «Sicily Food Festival» di Cefalù e la «Notte gialla» della Sagra del melone giallo di Gibellina

Buon "Festival del cibo siciliano" a tutti a Cefalù (Pa) con le birre! 


E buone Sagre del melone in provincia di Trapani con le arancine al melone e la Fil Maniglia Carving Art!

venerdì 24 agosto 2018

Il «Decamerone» di Boccaccio, «Nathan il saggio» di Lessing e «Elektra» di Hofmannstahl

Stasera due spettacoli nella mia città e nei dintorni. Una Ringparabel - La parabola dei tre anelli tratta dalla terza novella del Decamerone di Giovanni Boccaccio e da Nathan il saggio di Gottlob Ephraim Lessing e una Elektra da Hugo von Hofmannstahl. Non andrò, ma spero di riuscire a scrivervi presto su questi libri.

giovedì 23 agosto 2018

I prodotti tipici siciliani a «Melt Fest» di Licata

Ah, l'influsso arabo sui dolci siciliani! Gusti che a Favara (Ag) potrebbero forse mescolarsi con il pistacchio; a Ravanusa con la ricotta; a Lercara Friddi (Pa) con la mandorla. Ed in Burkina Faso? A giudicare alcuni cuochi di questi territori che parteciperanno ad una gara a Licata una giuria di chef ed esperti.




 
Al Melt Fest di Licata si sfideranno, infatti, a "colpi" di dessert arabeggianti Eleonora Cavaleri (Cosi Dunci di Favara); Calogero La Mattina del Bar La Mattina di Ravanusa; Abibata Konate di Mamma Africa Onlus di Palermo; Franco Vento della Pasticceria Vento di Lercara Friddi ed altri. 


Il giudizio è affidato anche a Peppe Bonsignore, chef di L'oste e il sacrestano, ristorante di Licata.


Fra i partecipanti Totelia, la Premiata Pizzeria Sarda Salata, Mangia con gusto, Curò Trattoria Palermitana, La Rotonda, Olio di Fousseni, Made al Sud di Agrigento, Nipou.

mercoledì 22 agosto 2018

«Robinson Crusoe», «Parigi a tutti costi» e i cortometraggi

La colonna sonora di Laurent Aknin e la musica di Parigi a tutti i costi, trasmesso da Rai3. It Don't Mean a Thing (If It Ain't Got That Swing) dei Club Des Belugas e Sougue Bechouiya di Saïd Senhaji. Ma anche il Notturno in re bemolle maggiore op. 27 n. 2 di Frederic Chopin eseguito da Stéphane Blet, Bitch di Pauline Konrad, Lonely di Yael Nayim, The Bad in Each Other di Feist, Lighthouse di Patrick Watson e Holidays di Mademoiselle. 

Laurent Aknin firma Back to the Reality, Sunny Tango, Disillusion e Maya's Dream, Creepy Time, Revelation, Running, Glory Ending.   

«Robinson Crusoe» - La colonna sonora di Ramon Djavadi 
e «The World Belongs To Us» di Marina Kaye

Non ispira una serenità "disgraziata" questa locandina del film? 



Lo avevo visto al cinema di Bardonecchia, in provincia di Torino. 


Ero andato lì con i miei nipotini e non ricordo molto di quest'opera. Una come le altre. Ma utile per fare leggere i bambini ed i ragazzini. Forse. Sicuramente il brano principale è molto commerciale, tutto da ballare, ma non mi risulta che abbia avuto moltissimo successo. Voce femminile come numerosissime altre. Brano molto adatto all'orecchio e simpatico. Parole del testo qualsiasi, da "viaggio" commerciale. Ma un film sul Robinson Crusoe meritava di più? E il pubblico non sarebbe andato al cinema o non avrebbe apprezzato? Grazie, comunque, ai francesi, così vicini all'Alta Val di Susa. 

I brani strumentali di Djavadi sembrano essere più raffinati. Da segnalare Robinson Crusoe. Quasi messicano Paradise Just Got Better. The Other World inizia male e poi "recupera". Molto in stile colonna sonora Pirates, The Real Monsters e The Storm. Quest'ultimo rende molto bene l'azione, ma sembra una tempesta molto moderata. Another Day In Paradise mi ricorda, invece, nel titolo, quel classicaccio stupendo del pop che è il brano omonimo di Phil Collins. Qualcosa di completamente diverso, comunque, molto reggae. Molto divertita e leggera, invece, Fresh Water, anche se talvolta un po' "fredda". Molto bene gli archi e, credo, la chitarra o la marimba (o qualcosa di simile). Comicia in maniera fintamente cupa Land, Sweet Land. Crea attesa. Pathos soddisfatto? Non credo. Il brano è finito e non me ne sono neanche accorto. A Little Snack ha molte percussioni. 

Building A Shelter, invece, mi fa ricordare la scena del film. Tutti quei topi, se ricordo bene, ed una costruzione che sembra un gioco di carte o, ancora meglio, di legnetti appoggiati l'uno sull'altro. E tanta, tantissima collaborazione. Brano molto delicato che rende l'idea del fare dei protagonisti. 

Ed un po' innovativa è stata l'idea di fare diventare il personaggio di Venerdì un pappagallo. Forse un ammiccare ai bimbi che sarebbero andati a vedere il film? Molto amanti degli animali? Credo che siano, invece, originali i nomi di Scrubbie, Epi, Pango, Kiki, Carmello e Rosie.  Una libera interpretazione, dunque, del Robinson di Daniel Defoe.

Per quanto mi riguarda io ricordo il primo anno di università Cattolica a Milano quando seguivo il corso stupendo del professor Giovanni Iamartino su questo libro come espressione della cultura borghese. Come frequenterei quel corso! Avevo ed ho molta stima di quel docente; insegnava benissimo. Affascinava con le sue lezioni.

Ma torniamo alla colonna sonora. Non molto interessanti Tree House e Sea Monsters. Un titolo del genere fa pensare ad una composizione "orrenda" ed, invece, nulla di tutto ciò. That's Help In Any Language sembra un titolo internazionalista per una pellicola sicuramente internazionale. Il brano passa e non ce ne accorgiamo molto. Scorrono anche Wait For The Signal e I Can't Leave Him. Degna di nota That Must Have Hurt e con molta azione musicale Shadow Puppets e Going Home

In conclusione - e riassumendo - una colonna sonora come tante altre ed un film come tanti altri. Ma il Crusoe, il romanzo, è quel signor romanzo della letteratura mondiale.

Infine un riferimento ai luoghi. Non si capisce dove si "viaggi". Sicuramente vediamo un'isola ed il mare. Così "neutri" e simili a tante isole ed a tanti mari.

Colonne sonore di cortometraggi. Le colonne sonore al Farm Film Festival: di Raffaele D'Anello per Il tratto, di Alessandro Marrosu per Framed

domenica 19 agosto 2018

Lorenzo Fragola, Battiato, l'Eurovision Song Contest e i ritmi agrigentini e siciliani

Domenica scorsa sono andato a piedi qui sul lago di Como da Menaggio a Volesio di Tremezzo e ritorno (trovate le foto su Swarm e Twitter) e ho ascoltato la musica tramite la radio sul mio telefonino. Non lo facevo da un po' di tempo; ultimamente ascolto i brani solitamente in Svizzera con le stazioni radiofoniche in tre delle quattro lingue ufficiali, ma questa volta mi sono deliziato con la scanzonatissima L'esercito del selfie di Lorenzo Fragola con Takagi & Ketra ed Arisa e, se ricordo bene, Cuccurucucù di Franco Battiato. Sicuramente una sua canzone. Ma ora torniamo all'oggi...

All'Eurovision Song Contest 2018 di Lisbona mi sono piaciute, infatti, Forever di Alekseev dal Belarus, Together di Ryan O'Shaughnessy dall'Irlanda e Tu Canción di Amaia y Alfred dalla Spagna. Bravi anche Cesár Sampson con Nobody But You dall'Austria e Storm di SuRie dal Regno Unito. Alla prossima!

La musica da ballare di Erika. «I'm Here» e «Symphony» di Erika Ietro.

«I'm Here» e «Symphony» di Erika Ietro e... lavori in corso da ballare?

Symphony segue l'impostazione dei suoni da discoteca e "ballerini" del precedente singolo, I'm Here. Oppure forse no?


Piuttosto "movimentato" il singolo pop-disco I'm Here di Erika Ietro, cantante di Licata, provincia di Agrigento.


Sono ancora possibili notevoli aggiustamenti nell'essere brava a "catturare" chi ascolta, ma anche alla voce e negli arrangiamenti.  Si inizia forse troppo "sulle piste da ballo". Testo in lingua inglese.

sabato 18 agosto 2018

La paella o il cous cous al gambero rosso di Mazara, la Zabbina, le stigghiole ed il «mio» suino nero dei Nebrodi

Quante varianti locali! Che ottima idea abbinare la paella al gambero rosso di Mazara e cucinare il suino nero dei Nebrodi o il cous cous alla trapanese! Con incocciatura a vapore e proprio al gambero di Mazara in una versione diversamente speziata!  




 
Anche perché siamo in Sicilia - e non in Nordafrica - e si mangia meno piccante. Peraltro il cous cous sarà abbinato ad un vino bianco locale e cucinato in un maxipadellone da due metri e mezzo.




 
Spazio anche alla Zabbina, ricotta preparata nella cosiddetta quarara dal latte delle pecore belicine Razza Tipica


E sulla quarara con la carne di queste pecore si appronteranno anche le stigghiola di agnello rosso arrostite. Tutti quanti conoscerete le stigghiole, questi spiedini siciliani sicuramente... A me risultano, invece, ancora sconosciute le pecore a strazzasale... E volete che "indaghi" e ve ne scriva?    

Ed, infine, non resta che scrivervi: buona Sagra della paella alla siciliana con gambero rosso di Mazara e buone sagre al Mazara Food Fest! Spero di avervi scritto più o meno un programma di quel che ci sarà in questa edizione 2018.

Crêpes agli agrumi flambé, vini siciliani e gruppi folkloristici a Siculiana

Degustazione gratuita di crêpes agli agrumi flambé e di vini siciliani (bianchi, rossi, doc o docg?). Yum!

<iframe src="https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FCMMusicaBlog%2Fposts%2F2001109789946551&width=500" width="500" height="383" style="border:none;overflow:hidden" scrolling="no" frameborder="0" allowTransparency="true" allow="encrypted-media"></iframe>

Chissà quali agrumi si potranno assaggiare stasera, forse limoni vista la stagione. E sicuramente che delizia con la compagnia di gruppi folkloristici. 

Sto scrivendo di Siculiana Food and Folk organizzata da Orizzonti Mediterranei, un festival del folclore di Dario Danile, in collaborazione con l'Acsi, comitato provinciale di Agrigento. Buon lavoro a loro!

venerdì 17 agosto 2018

Buona passeggiata gratis quasi all'alba ad Agrigento...

Eh sì. Settembre comincerà con una sveglia molto mattutina. Una camminata con una durata variabile da mezz'ora a circa un'ora non impiega molto tempo e soprattutto senza alcun costo se non l'auto per raggiungere il luogo. Stiamo molto attenti alla guida. Passeggiata al tempio di Giunone ed alla Valle dei Templi di Agrigento grazie al Lions Club Agrigento Host ed a Master Fit Events.

«Li pirati a Palermu» di Ignazio Buttitta - e di Rosa Balistreri - e il Gruppo Zabara

I testi di Ignazio Buttitta...! Che meraviglia...! Anche se non potrò esserci. Buon lavoro al bed and breakfast Il Covo degli Artisti di Campobello di Licata e al Gruppo Zabara. Spero di riuscire a scrivervi qui la prossima settimana di Li pirati a Palermu di Buttitta e della versione musicale di Rosa Balistreri.E di I pirati a Palermu di Etta Scollo.

I Fratelli Mancuso più «gutturali» e la musica "etnica" dei gruppi siciliani ed italiani

Eccomi con i fratelli Mancuso ad Agrigento.


Domani scrivo altro?

Suoni confinanti con influenze sarde ed arabe per i Fratelli Mancuso - Enzo e Lorenzo - con Come albero scosso da interna bufera sabato prossimo al Festival Teatrale sulle Memorie di Montalbano Elicona, in provincia di Messina.



Ho sentito un servizio di una televisione nissena e ho ascoltato queste sonorità.


Ho conosciuto dal vivo i due stupendi artisti anni fa proprio in territorio nisseno e vi consiglio vivamente la loro musica.

<div class="fb-page" data-href="https://www.facebook.com/CMMusicaBlog" data-tabs="timeline" data-small-header="false" data-adapt-container-width="true" data-hide-cover="false" data-show-facepile="true"><blockquote cite="https://www.facebook.com/CMMusicaBlog" class="fb-xfbml-parse-ignore"><a href="https://www.facebook.com/CMMusicaBlog">CMMusica</a></blockquote></div>

Del resto conosco un uomo in questa cittadina del Messinese e potrei anche andarci prima o poi.



Lampedusa secondo I Luf. Da una Sicilia all'altra. «Lampecrucis» di I Luf ricorda l'isola della mia provincia. Ho scoperto questo brano vedendo la trasmissione Canta Lombardia di una televisione lombarda (credo), Antenna Tre. Il brano non è un capolavoro, ma è interessante. Soprattutto la musica. Anche nella versione acustica, unplugged, di Bassa Fedeltà On Air, che ho sentito pochi minuti fa.




I Luf sono Lorenzo Marra, Dario Canossi, Sergio Jeio Pontoriero, Cesare Comito e... compagni.

  

Quanto al testo, beh... fatemi dormire stanotte. Spero di scrivervene nei prossimi giorni. E la voce del cantante può anche fare meglio. 

Alla prossima. E chissà se il gruppo verrà nella mia provincia! Posso darmi da fare per farli venire, se vogliono! 

Le Matrioske e Oi Dipnoi 

Le Matrioske. Delle composizioni di questo gruppo di Palermo mi ha un po' sciolto il cuore Habibi (Mazurka francese). Accalora anche Pizzica di San Vito, molto, ma molto, ma molto da ballare. Mi piace un po' Nero (Scottish).  

Oi Dipnoi - Bastrika e Pontos. Non male alcuni brani. Suez, Om Jag Hade Vingar, da Pontos, eccelle rispetto ad altri senza "raggiungere la cima". In Bastrika non male i brani Dipnoi e Tarantella del vento/Abballu, Polline. Ma c'è ancora moltissimo lavoro da fare per affascinare l'ascoltatore, per "sciogliergli il cuore", per non farlo passare avanti ad altro, per fargli comprare un disco, per non farlo annoiare mentre ascolta una traccia.  

Alkantara Fest. Entrambi questi gruppi all'Alkantara Fest 2018. 

Piazzolla e gli Ubi Ensemble


I suoi teatrali "siciliani" molto "gitani" e mediterranei
 Banda Improvvisa

Meravigliose le musiche di Kkore suonata soprattutto da Banda Improvvisa - ed anche eseguita da Eleni Karaindrou e Tomasella Calvisi - per lo spettacolo teatrale Kkore di Lina Prosa. 




 

La musica "etnica" per Kore. Che delizie Koçani e Valzer ed Ulixes, scritta da Orio Odori (clarinettista e percussionista) e Giampiero Bigazzi e pubblicata nel disco Lesamoré (Materiali Sonori). Complimenti alla Società filarmonica Giuseppe Verdi di Loro Ciuffenna (provincia di Arezzo), a Daniele Sepe e ad Auli Kokko. Mi ricordano il Canzoniere del Lazio... E peccato che non ci fosse - credo - Serenata alla Carpinese nello spettacolo. Ne scriverò nei prossimi giorni.  

Ed incuriosiscono soprattutto l'attore Carlo Greca, di Enna, nel ruolo di Omero ed un po' il lavoro del regista Giorgio Zoccù. Le attrici sono Sara Donzelli e Giulia Quagliarella. Quale attrice di queste vi piace di più?  

Salsa. «Si tu non estàs màs a mi lado» di Fito Gress secondo Massimo Scalici e la Poderosa Latin Orchestra.

Il «Libertango» di Astor Piazzolla, il Quinteto Nuevo e il Nuevo Piazzolla Project

Il Libertango di Astor Piazzolla è una meraviglia dell'umanità. Il Nuevo Piazzolla Project dell'Ubi Ensemble ha suonato il Quinteto Nuevo, anche nella mia città stasera al Museo Pietro Griffo. Un lavoro più intellettuale, per quel che ho sentito, meno attento al lato più "popolare" e più famoso, più amato.

I rituali funerari nella preistoria e nell'antichità in Sicilia ed a Como

Avete mai visto resti funerari? Io sì gli ultimi alle Terme romane di Como poche settimane fa. Potete trovare le mie foto ed i miei video con Como e l'archeologia tramite le etichette e le categorie qui sotto. 

I rituali funerari nella preistoria saranno tema di un incontro con Nuccia Gullì (archeologa della Soprintendenza ai Beni culturali di Agrigento) e di Alfonso Lo Cascio, presidente regionale dell'associazione BCSicilia, che si occupa di beni culturali.

Il «ritmo incantatorio», il «vivere davvero» ed il «sapore della vita» di padre Ermes Ronchi

La vita eterna è già qui, nella carne e nel sangue di Gesù. è il commento di frate Ermes in cui scrive che Altro è vivere, altro è sopravvivere. E noi viviamo o sopravviviamo? A ciascuno la risposta. Pensandoci benissimo e dubitando moltissimo.  



 

 La vita eterna è una vita [...] che fa cose che meritano di non morire.  

E pensiamo, allora, a fare cose che meritano di non morire!
 

 Sangue e carne è parola che indica la piena umanità di Gesù, le sue mani di carpentiere con il profumo del legno, le sue lacrime, le sue passioni, i suoi abbracci, i piedi intrisi di nardo e la casa che si riempie di profumo e di amicizia. 

Molta vita di ogni giorno in questa frase! 

Nutritevi del mio modo di essere umano, come un bimbo che è ancora nel grembo della madre si nutre del suo sangue.

Forse una frase pienamente comprensibile soltanto alle mamme. Io sono uomo e non ho figli.  

Gesù non sta parlando del sacramento dell'Eucaristia, ma del sacramento della sua esistenza: mangiate e bevete ogni goccia e ogni fibra di me.  

Frase un po' difficile da comprendere veramente. E, se non si è cattolici, ancora meno.

Vuole che nelle nostre vene scorra il flusso caldo della sua vita [...].

Di calore ce n'è tanto nell'estate italiana, soprattutto all'estremo Sud. Buon flusso caldo!

Parole che mi sorprendono ogni volta, come una dichiarazione d'amore: “io voglio stare nelle tue mani come dono, nella tua bocca come pane, nell'intimo tuo come sangue, farmi cellula, respiro, pensiero di te. Tua vita”.

 Per riassumere: Ancora un commento vitalistico di padre Ermes Ronchi!

Aretha Franklin, «Think» ed un ricordo privato associato a «Respect»

Dispiaciutissimo della morte di Aretha Franklin. Think è stupenda. Respect mi faceva pensare a una persona di cui mi ero infatuato e molto irrispettosa e maleducata e che per fortuna non fa più parte della mia vita o ne ha pochissima parte. 

State attenti, cari ragazzi e care ragazze, a chi sembra affidabile. Cercate di non fidarvi, osservate molto bene i particolari, mettete molto alla prova e attendete! Se è vero amore verrà fuori. Se non lo è non verrà fuori.

giovedì 16 agosto 2018

«It Don't Mean a Thing (If It Ain't Got That Swing)», la colonna sonora dello stupendo «Parigi a tutti i costi», «Disillusion» e «Maya's Dream» di Laurent Aknin

Ho visto Parigi a tutti i costi ieri in tv in italiano su Rai3. Stupenda e divertentissima commedia! Una marocchina che vive a Parigi e viene espatriata. Non ha più il visto e deve consegnare un abito alla casa di moda in cui vuole ottenere un posto di lavoro migliore. Ed è costrettta a tornare in Marocco, che non le piace molto! Niente visto per lei! Fa di tutto per averlo, ma... assolutamente no! No, no e no! E lei sa mentire ed è molto "disinibita"!  

Mi erano piaciute anche la colonna sonora e la musica. Beh, fra le canzoni It Don't Mean a Thing (If It Ain't Got That Swing) dei Club Des Belugas (anche se questa versione non mi piace troppo). Meravigliosa scoperta Sougue Bechouiya di Saïd Senhaji - che mi ricorda lontanamente il bhangra indiano e le composizioni mediterranee. 

Fra i brani anche il Notturno in re bemolle maggiore op. 27 n. 2 di Frederic Chopin interpretato da Stéphane Blet, Bitch di Pauline Konrad, Lonely di Yael Nayim, The Bad in Each Other di Feist, Lighthouse di Patrick Watson e Holidays di Mademoiselle. 

La colonna sonora è di Laurent Aknin con Back to the Reality, la molto divertente Sunny Tango, due brani romanticissimi al pianoforte dai titoli Disillusion e Maya's Dream (che dedico ad un mio conoscente pianista), Creepy Time, Revelation, Running, Glory Ending.               

lunedì 13 agosto 2018

La Magna Via Francigena Agrigento - Palermo, la Via Francigena Fabaria, il libro «Da Palermo a Messina per le montagne»

Ce l'ho, ce l'ho, mi manca... A Palazzo dei Normanni sono stato. 



L'articolo La Sicilia che non ti aspetti? Sui monti sulle tracce del Gran Conte Ruggero di Alessandra Franchini ti fa scoprire anche la Magna Via Francigena Agrigento - Palermo e la Via Francigena Fabaria. Grazie al libro Da Palermo a Messina per le montagne di Davide Comunale (Terre di Mezzo editore) che mi ha permesso di vedere foto scattate ad Agrigento, Siculiana, Montallegro. I miei territori. 

«Cavalleria rusticana», il «Mastro-don Gesualdo», i «Malavoglia» e «Vagabondaggio» di Giovanni Verga. Vizzini, l'Etna, il Teatro Carignano di Torino e i tradimenti amorosi

La Cavalleria rusticana, il Mastro-don Gesualdo, i Malavoglia e molte opere meno note in un'epoca, come la nostra, di difficoltà dell'editoria libraria. Paolo Di Stefano è molto bravo a raccontare momenti della biografia di Giovanni Verga in «Caro Verga, scriva di più» Le lettere degli editori.

Quanto al Teatro Carignano di Torino, dove sembra abbia esordito la Cavalleria verghiana, eccovi la mia foto. Fra gli altri teatri verghiani c'è anche il Teatro Manzoni di Milano, associato al dramma In portineria. E fa sorridere la probabile citazione piantar cavoli in Sicilia... 

Di Stefano scrive anche su Vizzini ed il Mastro-don Gesualdo nonché su Il marito di Elena. Mi ha, peraltro, incuriosito un po' l'accenno alla vita privata dello scrittore etneo, al rapporto con l'amante Giselda Fojanesi, poi cacciata dal marito Mario Rapisardi. E c'è anche la contessa Paolina Greppi.

Curioso anche apprendere che i Malavoglia siano stati un fiasco pieno e completo (definizione data da Verga a Capuana). E si scopre anche il racconto Vagabondaggio, nato da tre racconti - uno omonimo, l'altro Come Nanni rimase orfano ed, infine, Mondo piccino.  Poi si passa ad una raccolta di undici/dodici racconti, ma... perché non si dettaglia molto di più il particolare degli uomini e delle donne in fuga dall'Etna?! Così come sono curioso di leggere il travagliato finale della novella Nanni Volpe. Sembra, inoltre, più commerciale per il pubblico dell'epoca Artisti da strapazzo.

Infine altri particolari utili per chi vuole approfondire la storia della letteratura verghiana: Giuseppe Giacosa; Francesco Casanova; il Fanfulla della Domenica; Barbèra; Treves.       

I racconti di Antonio Patti ed il premio Alessio Di Giovanni

Complimenti ad Antonio Patti, che conosco da anni, un tempo collega di mia madre, perché ha ottenuto con suoi racconti il terzo posto al premio Alessio Di Govanni 2018. Chissà come sono. Buona scrittura a lui. 

Il Ferragosto ad Agrigento e Nello Hamel

Triplicato il personale che si occuperà della pulizia delle spiagge della città di Agrigento; cestini della raccolta differenziata anche sulla costa; la pulizia delle strade di collegamento nei dintorni del litorale agrigentino. Tutto con pochi soldi per la notte e la giornata di Ferragosto. Grazie all'assessore all'Ambiente del Comune di Agrigento, Nello Hamel, che conosco da anni. 

Sono stato alla sesta ed alla terza spiaggia di San Leone sere e notti fa ed era abbastanza pulita. Quanto ai bidoni della differenziata non li avevo visti. E per la pulizia dei dintorni ci sarà davvero tantissimo da fare perché ci sono diversi sacchetti lungo i bordi di alcune strade. 

Ma la situazione è sicuramente peggiore in altre zone meno visibili dove si possono vedere anche recipienti in eternit. Ma questa è un'altra storia e, se i soldi sono pochi, sarà necessario trovarli. E non è facile. Importante, comunque, cercare di garantire sempre il massimo dell'impegno. 

domenica 12 agosto 2018

La salsa di «Si tu non estàs màs a mi lado» di Fito Gress secondo Massimo Scalici e la Poderosa Latin Orchestra

Ma questo cantante siciliano non potrebbe sicilianizzare di più questo genere musicale? Bere, ritmi scanzonati e divertiti, voci in spagnolo, sorrisi. Canzone evidentemente amorosa.  

Valtellina, laghi di Como e di Lugano, Monza. Gastronomia, letteratura e musica

Così mediterraneo che ci sono non soltanto i limoni (che vedete in questo video), ma anche, persino, i banani. In Svizzera, sul lago di Lugano. Che giornata serena era stata, anche con le rose. La mia famiglia coltiva i limoni, ma abbiamo avuto difficoltà nell'ultimo decennio, come un po' dappertutto. E quanti ricordi di limoni raccolti, fin da quando ero piccolo. Le rose, invece, no. Mai coltivate, non me ne sono mai preso cura, anche se ci ho pensato. Chissà se ci sarà la prima volta presto o prima o poi. 

<iframe src="https://vine.co/v/idtLe2zDahM/embed/postcard" width="300" height="300" frameborder="0"></iframe><script src="https://platform.vine.co/static/scripts/embed.js"></script>

La terrazza di Villa Fogazzaro Roi ad Oria di Valsolda.








«Piccolo mondo antico» di Antonio Fogazzaro.  In  questo video, invece, il lago dalla terrazzina della villa. 






Era la Giornata di primavera del Fai. La mia prima sul lago di Lugano, mentre un'altra in Valtellina - Delebio - potete riviverla qui

<blockquote class="twitter-tweet" data-lang="it"><p lang="it" dir="ltr">&quot;Piccolo mondo antico&quot;, Antonio Fogazzaro. Giardino, Villa Fogazzaro Roi, Oria, Valsolda. <a href="https://twitter.com/hashtag/CMLibri?src=hash">#CMLibri</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/CMViaggi?src=hash">#CMViaggi</a> <a href="https://t.co/FqRGC4MpM6">https://t.co/FqRGC4MpM6</a></p>&mdash; CMLibri (@CMLibri) <a href="https://twitter.com/CMLibri/status/712709938427129856">23 marzo 2016</a></blockquote>
<script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script>

«Piccolo mondo antico» di Fogazzaro. Ed ho conosciuto un po' meglio Piccolo mondo antico di Antonio Fogazzaro proprio alla Villa Fogazzaro Roi - e nel suo giardino - ad Oria di Valsolda. Spero di riuscire nelle prossime settimane a citarvi un passo di questo romanzo il quale mi emoziona o colpisce o "prende" particolarmente. Vedremo. Magari sarà un passo che mi ricorda la mia Sicilia letteraria, che mi fa pensare ad un eventuale tour letterario siciliano e ad un eventuale tour letterario italo-svizzero sul lago di Lugano.

Si comincia con risotto e tartufi. Citata Albogasio Superiore e, forse, ci sono stato. Sicuramente la conosco. Casarico no, non so dove sia. E, forse, è un po' esagerata la descrizione di un lago agitato:

Le onde stramazzavano, tuonando sulla riva, 
sconquassavan le barche incatenate, 
mostravano qua e là, sino all'opposta sponda austera del Doi, 
un lingueggiar di spume bianche.   

Non so cosa siano questo Doi, la breva, il cappello a staio ed il monte di Caprino. Ed eccovi la prima pagina di questo libro. Che devo ancora leggere. E, chissà, come potrebbe essere una descrizione del lago di Lugano. 

Forse uno stupendo panorama - ho, ad esempio, la fortuna di condividere una mia foto con un tramonto sublime con un mio amico svizzero, Reto, ogni giorno, su una sorta di Viber e Whatsapp svizzero, io di Swisscom. Foto che avevo scattato vicino ad Oria, a Porlezza, la sponda estrema italiana del lago.

Oppure le barche, i motoscafi e le barche a vela che quasi ogni giorno nei mesi primaverili ed estivi passano di qua e di là. O una serata con i fulmini, che rendono questo lago ed il lago di Como un po' inquietanti.   

Ore amare e Senza traccia. Citazioni in un cartello dal capitolo VIII - Ore amare - di Piccolo mondo antico e dal capitolo VIII di Piccolo mondo moderno - Senza traccia.


Piante, aranci amari, olea sinensis, nespolo del Giappone, pinus pinea e pino. Rosai, capperi, agavi, oleandri. Dunque, gli aranci ed i nespoli ci sono qui in Sicilia come lì sui laghi di Como e di Lugano, ma anche i pini, i capperi, gli oleandri e le agavi. E devo ancora visitare, la prossima volta che sarò sul territorio, l'orto Maironi. Infine, ho appena iniziato a leggere Piccolo mondo antico. Dopo arriverà il tempo di Piccolo mondo moderno e saprò di più sui personaggi di Piero e don Giuseppe.  

Guardate che atmosfera quasi da sogno in queste foto che pubblico qui sotto dalla sponda di Porlezza di questo lago ticinese. Foto pubblicate su CMViaggi @ Facebook nel mio album #CMViaggiLombardia. Vi basta andare su Facebook e visualizzare queste foto. O scorrere questa pagina.


Milano: Arco della Pace, Navigli, Porta Garibaldi, Teatro La Scala e Duomo....
Posted by CMViaggi - Blog on Lunedì 10 agosto 2015
Il giardino.



Porlezza e cigno - Il lago di Lugano. Ecco la prima con il cigno. Che acqua!


E che cielo e che riflessi. No?



E sappiate che potete condividere con me le vostre foto lì o su altre sponde, magari non italiane, ma svizzere - luganesi e ticinesi.

CMMusica - La milizia storica di Leontica alla Festa delle corali in costume a Lugano. Che costumi e che piacere sentire questa banda ticinese che avrebbe origine ai tempi di Napoleone!




Non sono mai stato a Leontica, ma negli ultimi anni soo stato in particolare a Lugano ed a Faido. Ed ho scattato foto e girato video in questi territori svizzeri così come in altre cittadine di altri cantoni. Alcune foto ed alcuni video già pubblicati ed altri ancora da pubblicare.  A Leontica andrei per la festa di San Giovanni Battista, ma non è facile. 


Quella giornata luganese, peraltro, è un ricordo piacevolissimo. Ero lì con un mio amico dei Grigioni e ho amato moltissimo questo evento, purtroppo soltanto triennale. Quanti gruppi tornavano a casa alla stazione di Lugano Ffs quando il mio amico ha preso il treno per tornare a casa sua! Musicisti che puoi incontrare nella vita di tutti i giorni, non stelle del firmamento internazionale!      

L'altro lago affascinante

Promessi sposi di Alessandro Manzoni. Un quadro con i bravi dai Promessi sposi di Alessandro Manzoni sul traghetto Menaggio - Lenno.  In arrivo citazione da questo capolavoro della letteratura italiana!


Stupendo vivere direttamente questi luoghi del romanzo. Ed ero a Bellagio... Che ricordi!   


E c'è anche il traghetto "innominato"...

<blockquote class="twitter-tweet" data-lang="it"><p lang="it" dir="ltr"><a href="https://twitter.com/hashtag/Innominato?src=hash&amp;ref_src=twsrc%5Etfw">#Innominato</a> Chi era costui? <a href="https://twitter.com/CMViaggi?ref_src=twsrc%5Etfw">@CMViaggi</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/CMLibri?src=hash&amp;ref_src=twsrc%5Etfw">#CMLibri</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/CMViaggi?src=hash&amp;ref_src=twsrc%5Etfw">#CMViaggi</a> I promessi sposi, Alessandro Manzoni.… <a href="https://t.co/xU7touu7vl">https://t.co/xU7touu7vl</a></p>&mdash; CMLibri (@CMLibri) <a href="https://twitter.com/CMLibri/status/746793373793550337?ref_src=twsrc%5Etfw">25 giugno 2016</a></blockquote>
<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script>

Con una mia foto su Instagram.

<blockquote class="instagram-media" data-instgrm-captioned data-instgrm-permalink="https://www.instagram.com/p/BHFwK2Th4MB/" data-instgrm-version="8" style=" background:#FFF; border:0; border-radius:3px; box-shadow:0 0 1px 0 rgba(0,0,0,0.5),0 1px 10px 0 rgba(0,0,0,0.15); margin: 1px; max-width:658px; padding:0; width:99.375%; width:-webkit-calc(100% - 2px); width:calc(100% - 2px);"><div style="padding:8px;"> <div style=" background:#F8F8F8; line-height:0; margin-top:40px; padding:50.0% 0; text-align:center; width:100%;"> <div style=" background:url(data:image/png;base64,iVBORw0KGgoAAAANSUhEUgAAACwAAAAsCAMAAAApWqozAAAABGdBTUEAALGPC/xhBQAAAAFzUkdCAK7OHOkAAAAMUExURczMzPf399fX1+bm5mzY9AMAAADiSURBVDjLvZXbEsMgCES5/P8/t9FuRVCRmU73JWlzosgSIIZURCjo/ad+EQJJB4Hv8BFt+IDpQoCx1wjOSBFhh2XssxEIYn3ulI/6MNReE07UIWJEv8UEOWDS88LY97kqyTliJKKtuYBbruAyVh5wOHiXmpi5we58Ek028czwyuQdLKPG1Bkb4NnM+VeAnfHqn1k4+GPT6uGQcvu2h2OVuIf/gWUFyy8OWEpdyZSa3aVCqpVoVvzZZ2VTnn2wU8qzVjDDetO90GSy9mVLqtgYSy231MxrY6I2gGqjrTY0L8fxCxfCBbhWrsYYAAAAAElFTkSuQmCC); display:block; height:44px; margin:0 auto -44px; position:relative; top:-22px; width:44px;"></div></div> <p style=" margin:8px 0 0 0; padding:0 4px;"> <a href="https://www.instagram.com/p/BHFwK2Th4MB/" style=" color:#000; font-family:Arial,sans-serif; font-size:14px; font-style:normal; font-weight:normal; line-height:17px; text-decoration:none; word-wrap:break-word;" target="_blank">#Innominato Chi era costui? @CMViaggi #CMLibri #CMViaggi I promessi sposi, Alessandro Manzoni. #Costa #Bellagio #Varenna Da Menaggio #PromessiSposi #IPromessiSposi #AlessandroManzoni #Menaggio #MenaggioLagoDiComo #MenaggioLagoComo #LagoDiComo #LungolagoMenaggio #LungolagoDiComo #Lungolago #InnominatoPromessiSposi #InnominatoManzoni #InnominatoIPromessiSposi #IgersLagoDiComo #IgersLombardia #InstaLombardia #IgLombardia #IgersItalia #InstaItalia #IgItalia #IgersEuropa #InstaEuropa #IgEuropa</a></p> <p style=" color:#c9c8cd; font-family:Arial,sans-serif; font-size:14px; line-height:17px; margin-bottom:0; margin-top:8px; overflow:hidden; padding:8px 0 7px; text-align:center; text-overflow:ellipsis; white-space:nowrap;">Un post condiviso da <a href="https://www.instagram.com/cmlibri/" style=" color:#c9c8cd; font-family:Arial,sans-serif; font-size:14px; font-style:normal; font-weight:normal; line-height:17px;" target="_blank"> CMLibri</a> (@cmlibri) in data: <time style=" font-family:Arial,sans-serif; font-size:14px; line-height:17px;" datetime="2016-06-25T19:53:07+00:00">Giu 25, 2016 at 12:53 PDT</time></p></div></blockquote>
<script async defer src="//platform.instagram.com/en_US/embeds.js"></script>
 
«La Certosa di Parma» di Stendhal 
e il castello di Griante

Sto vedendo su Rai Premium una versione televisiva del celebre romanzo, la fiction televisiva di Cinzia Th Torrini, con gli attori Marie-Josée Croze, Rodrigo Guirao Díaz, Alessandra Mastronardi, Ralph Palka, Mattia Sbragia e Hippolyte Girardot, prodotta non soltanto dalla Rai, ma anche da France3. 

Fabrizio del Dongo, il protagonista del libro, trascorre gli anni della sua infanzia nella dimora della famiglia Valserra del Dongo, il castello di Griante, cittadina confinante con Menaggio sul lago di Como. Fabrizio non impara nulla e verrebbe, quindi, inviato a Milano in un collegio dei gesuiti. Il particolare mi ricorda un signore comasco che ho conosciuto il quale ha conosciuto l'amore della sua vita proprio a Milano ed ha frequentato i gesuiti.  

In questo castello del Medio Lario si dedica alle passeggiate a cavallo. Lì vive con la contessa Gina Pietranera e con il fratello Ascanio. E tutte queste informazioni sono state tratte da Wikipedia, OilProject, Niente Popcorn, MyMovies e Wuz.

Menaggio


Nuvole viste a Menaggio - lago di Como - in direzione Lecco e Monza.

#Nuvole #Lecco #Monza #Menaggio #Lago di Como Questa foto anche su CMViaggi @ Twitter.
Palazzo Manzi a Dongo. Eccovi qui questo palazzo sull'Alto Lago di Como.

Passeggiando in bicicletta. Bel verde sulle montagne primaverili di maggio. E le bici e la basilica in questo cinguettìo.

&lt;blockquote class="twitter-tweet" data-conversation="none" lang="it"&gt;&lt;p lang="it" dir="ltr"&gt;Buon giro d&amp;#39;Italia in ape calessino. Mi sono &amp;quot;accontentato&amp;quot; a Tirano di quello in bici. &lt;a href="https://twitter.com/Volagratis"&gt;@Volagratis&lt;/a&gt; &lt;a href="https://twitter.com/ideedituttounpo"&gt;@ideedituttounpo&lt;/a&gt; &lt;a href="http://t.co/ObUY06MLCR"&gt;pic.twitter.com/ObUY06MLCR&lt;/a&gt;&lt;/p&gt;&amp;mdash; CMViaggi (@CMViaggi) &lt;a href="https://twitter.com/CMViaggi/status/623908862266081280"&gt;22 Luglio 2015&lt;/a&gt;&lt;/blockquote&gt;
&lt;script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"&gt;&lt;/script&gt;



Questo mio cinguettìo (anche su CMViaggi@StumbleUpon

Ed avete mai fatto un giro di tutta l'Italia in Ape calessino? Io ho soltanto visto un Ape turistica e gastronomica in zona Navigli, a Milano, un'Ape con panelle, l'Ape Panella. Magari volete vedere quella foto anche qui? 

Ed ecco i video con il Giro 2015 a Tirano e la basilica, il santuario, con le sue bellezze interiori (ma anche il trenino rosso delle Ferrovie retiche e la stazione ferroviaria svizzera di Tirano vista dal treno Milano - Tirano delle Ferrovie Nord) negli album #CMViaggiFede e #CMItaliaViaggi su You Tube. Dovrebbe esserci anche l'organo.  



 



Ed ho altri video con Tirano oltre a questo video - con il trenino rosso, la basilica ed il Giro - in un mio cinguettìo (ma anche con Gravedona, il lago di Como, le chiese e l'hiking).

Infiorata, uccello, angioletto, cuore e in bici 
per il giradischi ai Pasquali di Bormio. 
E il canto del Carnevale dei matti. 

Ma perché non pedaliamo per produrre un po' di energia elettrica a casa?




Questo spazio dei Pasquali di Bormio mi ha fatto sorridere ed ho potuto ammirare la cura dei falegnami che hanno lavorato. Sono stati i miei primi Pasquali perché sono rimasto a Pasqua in Lombardia, dopo numerosi anni. Ed è stato un angolo che mi è piaciuto molto perché mi piace la musica ed ho un blog musicale, MCMusica, anche se, tuttavia, non sono un collezionista di dischi né utilizzo i giradischi.  

#Agrigento #PortoEmpedocle #Morbegno #Bici Vado, invece, in bici ad Agrigento ed a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, e mi sono mosso in bici a Morbegno. Nella mia pagina Bici potete leggere e godervi un mio testo - con foto Twitter e video - sul Giro d'Italia a Tirano (basilica della Madonna e trenino rosso)

#VenerdìSanto Negli altri anni la mia Pasqua è stata in provincia di Agrigento: Venerdì santo ad Agrigento con le nacchere (video) ed un canto funebre tradizionale con una voce molto particolare, ma anche a Siculiana, in provincia di Agrigento (foto e video).


Ed, infine, avevo condiviso questo video anche su Twitter.

Viva le lingue.  Non soltanto la parola Grazie, ma anche un confronto con altre parole di altre culture.


Arigato sarebbe il grazie in giapponese, per quanto ne so (mai studiate le lingue orientali). Thanks, danke, merci e gracias sono sicuramente le forme di ringraziamento rispettivamente in inglese, tedesco, francese e spagnolo. Buone questioni di cuore a tutti ed a tutte. Anche a chi come me - forse - è single.


Bravi con il cucito in Alta Valtellina?

Angelo, s'io fossi un angelo. Di legno. Non sono un esperto, ma sembrano bravi i falegnami bormini con l'intarsio. Oppure no?


Debutta su Blogspot il mio profilo CMViaggi @ Instagram.  



Uccello in legno in movimento. Che sorpresa questo dispositivo. Che congegno, frutto dell'artigianato, dei falegnami.



Infiorata con Cristo risorto. In questo video mi hanno colpito soprattutto i colori, il giallo. Ed ottimi dispositivi e congegni mobili.

   

Battiti "sotto il naso". Un cuore multilingue con grazie, gracias, merci, danke, thanks.


Conosco l'inglese, lo spagnolo, il francese ed il tedesco. E voi? Quali le vostre lingue preferite?



Io sono specialista in inglese ed in tedesco.


E mi ricordo anche una chiacchierata con qualche altro/a turista lì a Bormio. Proprio sulle lingue. Avevo fatto notare come ci fossero le lingue di cui scrivo sopra.


E, peraltro, cambiando argomento, mi piace molto la Torre dell'Orologio. Ed a voi?

Arte dell'ascolto o della retorica? Preferite parlare oppure ascoltare?


A mio modesto parere... Cambia tutto con l'età oppure no? 



Secondo me sì. Si matura. Forse. O si fanno altri errori.

#NonMiPiaceAiPasqualiDiBormio Che ci siano le colombe bianche in uno spazio troppo stretto.


Sì, per un tempo limitato. Ma...




Ma non mi piace. E, dopo questo primo articolo sui Pasquali, ce n'è stato un secondo.



«Le cronache di Narnia» di C.S. Lewis.  Conto di leggere il libro fra poco.


Anche per comprendere eventuali riferimenti in questa installazione. 



Suggerimenti?


Viva gli amici! E leggete cosa ho scritto su CMLibri @ Facebook!


Gioco di specchi. Che effetto! Fa un po' venire le vertigini?
 

Carnevale dei matti di Bormio

Oramai è una tradizione per me questo Carnevale.


Come potete vedere sul mio canale You Tube mi sono goduto questo Carnevale da quattro o cinque anni (corsa dei sacchi e palo della cuccagna, chiesa di San Vitale e carro carnascialesco, arlecchino, dottorazzo e lacchè, palazzo pretorio e i Grigioni, storia del podestà dei matti). E negli anni passati per me c'erano stati anche il Carnevale di Livigno, il Carnevale vecchio di Grosio, il Carnevalissimo di Morbegno e la Carnival Running di Talamona.





Gioco di specchi e croce-cucchiaio ai Pasquali di Bormio. Come mi era piaciuto l'effetto.




Dominano il colore chiaro del legno e, molto leggermente, il verde pisello e l'azzurro. O no?

La croce diventa cucchiaio. E i fiori.


Si vedono un po' i tradizionali abiti maschili di questa tradizione pasquale.



#Menaggio #BandieraSvizzera #BandieraTedesca #LagoDiComo Anche in questo momento qui ad Agrigento c'è il vento. Quel vento che sembra di ascoltare in questa foto di CMViaggi @ Instagram. Altro da Menaggio e da altre cittadine dal lago di Como qui.


Sono andato via soltanto alcune settimane fa da Menaggio. 


#Bandiere #Lungolago  (CMViaggi su Twitter)

Magari vi riferirò lentamente di questo mio lungo soggiorno che era iniziato - con breve pausa - a dicembre?


Bandiere italiana e tedesca.



Spero di tornare presto a Menaggio. Intanto godetevi questi sciatt di lavarello con menta e radicchio.

<blockquote class="twitter-tweet" data-lang="it"><p lang="it" dir="ltr">Sciatt di lavarello con menta e  radicchio. <a href="https://twitter.com/CMViaggi">@CMViaggi</a> Valtellina e lago di Como a Menaggio.… <a href="https://t.co/SNxhjgVRvf">https://t.co/SNxhjgVRvf</a></p>&mdash; CMRicette (@CMRicette) <a href="https://twitter.com/CMRicette/status/712698057301876737">23 marzo 2016</a></blockquote>
<script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script>

Lo sciatt è una sorta di polpettina fritta valtellinese. Il lavarello è, invece, un pesce del lago.

<blockquote class="instagram-media" data-instgrm-version="7" style=" background:#FFF; border:0; border-radius:3px; box-shadow:0 0 1px 0 rgba(0,0,0,0.5),0 1px 10px 0 rgba(0,0,0,0.15); margin: 1px; max-width:658px; padding:0; width:99.375%; width:-webkit-calc(100% - 2px); width:calc(100% - 2px);"><div style="padding:8px;"> <div style=" background:#F8F8F8; line-height:0; margin-top:40px; padding:28.1481481481% 0; text-align:center; width:100%;"> <div style=" background:url(data:image/png;base64,iVBORw0KGgoAAAANSUhEUgAAACwAAAAsCAMAAAApWqozAAAABGdBTUEAALGPC/xhBQAAAAFzUkdCAK7OHOkAAAAMUExURczMzPf399fX1+bm5mzY9AMAAADiSURBVDjLvZXbEsMgCES5/P8/t9FuRVCRmU73JWlzosgSIIZURCjo/ad+EQJJB4Hv8BFt+IDpQoCx1wjOSBFhh2XssxEIYn3ulI/6MNReE07UIWJEv8UEOWDS88LY97kqyTliJKKtuYBbruAyVh5wOHiXmpi5we58Ek028czwyuQdLKPG1Bkb4NnM+VeAnfHqn1k4+GPT6uGQcvu2h2OVuIf/gWUFyy8OWEpdyZSa3aVCqpVoVvzZZ2VTnn2wU8qzVjDDetO90GSy9mVLqtgYSy231MxrY6I2gGqjrTY0L8fxCxfCBbhWrsYYAAAAAElFTkSuQmCC); display:block; height:44px; margin:0 auto -44px; position:relative; top:-22px; width:44px;"></div></div><p style=" color:#c9c8cd; font-family:Arial,sans-serif; font-size:14px; line-height:17px; margin-bottom:0; margin-top:8px; overflow:hidden; padding:8px 0 7px; text-align:center; text-overflow:ellipsis; white-space:nowrap;"><a href="https://www.instagram.com/p/BDTfasJHBCW/" style=" color:#c9c8cd; font-family:Arial,sans-serif; font-size:14px; font-style:normal; font-weight:normal; line-height:17px; text-decoration:none;" target="_blank">Una foto pubblicata da CMRicette (@cmricette)</a> in data: <time style=" font-family:Arial,sans-serif; font-size:14px; line-height:17px;" datetime="2016-03-23T17:50:31+00:00">23 Mar 2016 alle ore 10:50 PDT</time></p></div></blockquote>
<script async defer src="//platform.instagram.com/en_US/embeds.js"></script>

Ero in un ristorante locale che si chiama La Grolla. Non è aperto tutto l'anno ed ha una vista lacustre stupenda. Se volete una foto con il panorama chiedete pure, ma al momento non ho la fotografia e potrebbe passare un po' di tempo.. Credo che sarete "costretti" a seguirmi per numerosi mesi.. Ovviamente sto soltanto scherzando, ma, sicuramente, ho modificato la foto con una delle funzioni Instagram e, quindi, non pensate che gli sciatt abbiano questo colore. 

#Menaggio #LagoDiComo #LagoComo Ero rimasto molto soddisfatto della cucina di questo ristorante, gestito da parenti di un mio ex studente o studentessa (insegnavo all'Istituto Vanoni). Ricordo anche che avevo degustato un vino piemontese lì e potete vedere la foto anche sulle reti sociali. Non ricordo se su Twitter o su Instagram. Ed, infine, anche un breve video Vine con questi sciatt di lavarello con radicchio e menta.

<iframe src="https://vine.co/v/ipKgnztnOzQ/embed/postcard" width="300" height="300" frameborder="0"></iframe><script src="https://platform.vine.co/static/scripts/embed.js"></script>


  
Lago di Como - Gravedona, Menaggio, Carciente. Guardate che colori suggestivi anche se, secondo me, il video non ha reso la meraviglia ancora maggiore. 


#Alba #CheAlba #AlbaInRosa Dovevo andare a scuola una mattina e sono, tuttavia, riuscito a girare il video. Si vede anche Varenna sullo sfondo.

#Glicine #BandieraBritannica #BandieraSvizzera #BandieraItaliana #Tricolore #BandieraUe Mai coltivato il glicine. E voi? Volete che vi conduca in tour fra le piante e i fiori menaggini qui sul blog? Ed il cielo era meravigliosamente inquieto qui a Menaggio. Come oggi. 


Foto scattata sul lungolago di Menaggio.



La chiesa di Santa Maria delle Grazie #SiSchiudeUnMondoStupendo Il portale d'ingresso alla chiesa era casualmente aperto e... mi si è schiuso un mondo meraviglioso qui fotografato, vista sul lago di Como. Ed avete visto le altre foto su Twitter? Ed è carina anche la chiesa di Porto Ceresio sul lago di Lugano. Buone visite turistiche con guida turistica abilitata in provincia di Novara e sui laghi Maggiore e d'Orta.



Importante la libertà di unirsi con chi si vuole, no? Io concordo, ma con le unioni civili. E siete mai stati nella Valle d'Itria? Mai stati ad un concerto a Villafranca di Verona, ad esempio uno di Damien Rice? Io non conosco il nome di questo cantante o artista, ma ho trovato riferimenti su una rete sociale.




 Infine, eccovi i miei album #CMViaggiFede e #CMItaliaViaggi su You Tube con il video con Gravedona e questa chiesa. 



E molto altro.

Carciente. Che bella giornata di sole avevo avuto a San Siro.


Un'escursione di una domenica pomeriggio. 

La rosa chiara alla Villa Reale di Monza. Rosa color rosa chiaro. Ed ecco CMViaggi su Flickr.


#TendendoInAlto Roseti non troppo alti, mi ricordo.