mercoledì 18 ottobre 2017

I Fratelli Mancuso più «gutturali» e Lampedusa secondo I Luf

Suoni confinanti con influenze sarde ed arabe per i Fratelli Mancuso - Enzo e Lorenzo - con Come albero scosso da interna bufera sabato prossimo al Festival Teatrale sulle Memorie di Montalbano Elicona, in provincia di Messina.



Ho sentito un servizio di una televisione nissena e ho ascoltato queste sonorità.


Ho conosciuto dal vivo i due stupendi artisti anni fa proprio in territorio nisseno e vi consiglio vivamente la loro musica.

<div class="fb-page" data-href="https://www.facebook.com/CMMusicaBlog" data-tabs="timeline" data-small-header="false" data-adapt-container-width="true" data-hide-cover="false" data-show-facepile="true"><blockquote cite="https://www.facebook.com/CMMusicaBlog" class="fb-xfbml-parse-ignore"><a href="https://www.facebook.com/CMMusicaBlog">CMMusica</a></blockquote></div>

Del resto conosco un uomo in questa cittadina del Messinese e potrei anche andarci prima o poi.



Lampedusa. Da una Sicilia all'altra. «Lampecrucis» di I Luf ricorda l'isola della mia provincia. Ho scoperto questo brano vedendo la trasmissione Canta Lombardia di una televisione lombarda (credo), Antenna Tre. Il brano non è un capolavoro, ma è interessante. Soprattutto la musica. Anche nella versione acustica, unplugged, di Bassa Fedeltà On Air, che ho sentito pochi minuti fa.




I Luf sono Lorenzo Marra, Dario Canossi, Sergio Jeio Pontoriero, Cesare Comito e... compagni.

  

Quanto al testo, beh... fatemi dormire stanotte. Spero di scrivervene nei prossimi giorni. E la voce del cantante può anche fare meglio. 

Alla prossima. E chissà se il gruppo verrà nella mia provincia! Posso darmi da fare per farli venire, se vogliono!