martedì 26 maggio 2020

Musumeci e Razza - e Fontana e Gallera - programmeranno per i reagenti Covid-19 ed interagiranno con la ricercatrice fiorentina?

La domanda sorge spontanea, si potrebbe dire usando le parole del conduttore televisivo Antonio Lubrano. Più semplicemente ci si chiede: il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, e l'assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza,  progetteranno e programmeranno la strategia sui tamponi Covid-19 e sui reagenti per questi tamponi? Ci informeranno su cosa sta facendo l'assessorato regionale alla Sanità in via Notarbartolo a Palermo? 

E la Sicilia sta contattando la ricercatrice universitaria fiorentina che ha realizzato due reagenti per tamponi? Non mi ricordo il suo nome di cui hanno riferito un tg nazionale e un programma televisivo pomeridiano condotto da Tiziana Panella. Maggiori informazioni - e potete leggere moltissimo altro - tramite i tag qui sotto. 

Riferimenti ai tamponi anche da parte di Milena Gabanelli su un tg nazionale. 

E il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e l'assessore regionale lombardo alla Sanità, Giulio Gallera? I dirigenti delle Ats dell'Insubria e della Montagna, delle province di Varese, Como e Sondrio?

Dati giornalieri Covid-19 simili per Sicilia e Ticino - Intanto si aspetta per il valico di Arogno

In Sicilia un po' meglio di ieri con tre nuovi contagi ed un morto. In Ticino due nuovi contagi e un morto, se ricordo bene. Ma sono quasi sicuro. E più giù scrivo di una richiesta di alcuni sindaci italiani alla Svizzera su due - tre frontiere. 

Non ero riuscito a darvi i dati siciliani di ieri ed eccoli qui: quattro nuovi contagi, un decesso e ventitre guariti. Diciotto persone in meno in isolamento domiciliare e due pazienti ricoverati in meno. Venti «attuali positivi» in meno.

Ma torniamo alla Svizzera. Frontiera di Lugano Gandria, quella che fino a mesi fa attraversavo. E il valico ancora chiuso di Arogno e della Valmara. Ve ne avevo scritto lo scorso mese. I sindaci avevano scritto a Giuseppe Conte. E ne ha riferito stasera la radio svizzera. Vedremo come andrà. Ancora nessuna novità.

E ci si chiede: il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, e l'assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza,  progetteranno e programmeranno la strategia sui tamponi e sui reagenti? Ci informeranno su cosa sta facendo l'assessorato regionale alla Sanità in via Notarbartolo a Palermo? 

E la Sicilia sta contattando la ricercatrice universitaria fiorentina che ha realizzato due reagenti per tamponi? Non mi ricordo il suo nome di cui hanno riferito un tg nazionale e un programma televisivo pomeridiano condotto da Tiziana Panella. Maggiori informazioni - e potete leggere moltissimo altro - tramite i tag qui sotto. 

Riferimenti ai tamponi anche da parte di Milena Gabanelli su un tg nazionale. 

E il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e l'assessore regionale lombardo alla Sanità, Giulio Gallera? I dirigenti delle Ats dell'Insubria e della Montagna, delle province di Varese, Como e Sondrio?

Doniamo per i bimbi più bisognosi come un presidio agrigentino del cibo «lento»!

Pensando alla canzone «Bambini» di Paola Turci e il ritornello in testa. 

Ottimo che la condotta ed il presidio agrigentino di un'associazione italiana internazionale del «cibo lento» abbia donato ai «Volontari di strada» di Agrigento a favore dei bambini più «fragili» e bisognosi. Benissimo.

Doniamo velocemente! Intanto potete «assaggiare» altri miei articoli cliccando I tag qui sotto.

E volete godervi incontri sulla gastronomia  e l'enologia agrigentina «lente» insieme al mio blog? Vi basta cercare CMRicette sulle reti sociali e contattarmi. 

La zona B della «mia» Valle dei Templi e una sentenza del Tar di Palermo

Una sentenza del Tar di Palermo, la sede palermitana del Tribunale amministrativo regionale, relativa alla zona B nella zona, se ho capito bene, più o meno lontana dalla Valle dei Templi di Agrigento. La quale mi colpisce perché riguarda la mia città ed il suo bene culturale più importante. Se volete visitarlo con il mio blog vi basta contattarmi sulle reti sociali cercando CMViaggi o scrivendomi qui. 

E poi una frase dell'avvocato Troja che sembra non riguardare i miei familiari. Chissà se sono interessanti per qualcuno che conosco: «Questa sentenza» - ha commentato l'avvocato Troja - «evidenzia una situazione tanto attuale quanto preoccupante in cui versano molti abitanti di Agrigento, proprietari di edifici costruiti tra la fine degli anni '70 e inizi anni '80, che ancora oggi forse per mancata conoscenza dell'orientamento giurisprudenziale in materia e delle ragioni giuridiche a sostegno dell'illegittimità dei provvedimenti dell'Amministrazione preferiscono far fronte alle sanzioni» comminate dall'assessorato piuttosto che impugnare i provvedimenti. 

«Nessun illecito», quindi, per chi ha costruito nella Valle dei Templi di Agrigento prima del 1985 nella cosiddetta zona B, se ho capito bene. 

Sentenza breve del Tar palermitano di sei giorni fa, del venti maggio, accogliendo un ricorso presentato dal proprietario di un immobile a San Leone, frazione ed anche località marittima di Agrigento. Ho soltanto pochi parenti con casa a San Leone. 

I giudici sono stati chiamati a pronunciarsi su un ricorso su un risarcimento richiesto dal Dipartimento regionale dei Beni culturali e dell'identità siciliana. 

Memorie sono state depositate e non condivise dall'Avvocatura di Stato.

E tramite il tag Valle dei Templi ed alcune delle altre etichette qui sotto potete leggere moltissimo altro. 

domenica 24 maggio 2020

La «versione di vita diversa e più concreta» sempre con il basket ad Agrigento e Porto Empedocle

«Oggi per il dopo pandemia sono entrato in una versione di vita diversa, più concreta, devo iniziare a lavorare, per pensare a chi verrà dopo». 

Un imprenditore agrigentino sulla decisione di iscrivere la sua squadra ad un campionato inferiore rispetto a quello in cui è.

Rispetto la sua decisione. Vedremo se ci si metterà d'accordo con un'altra squadra per un aumento di soldi. Oppure si coinvolgeranno altri imprenditori o si otterranno finanziamenti diffusi. Vedremo.

E potete «finanziare» e sostenere il mio blog oppure leggere moltissimo altro tramite alcuni tag qui sotto. 

I nuovi contagi giornalieri Covid-19: nel Comasco dieci e in Sicilia due - Come nel Sondriese

Dati che fanno riflettere mentre sto avendo un leggero mal di testa. 

E non ho ricevuto buone notizie su Whatsapp indirettamente dal Nicaragua. Purtroppo a volte capita. 

Dati nuovamente bassi in Sicilia dopo gli zero contagi di ieri. Oggi due nuovi contagi e nessun morto. Sessantuno guariti. Quattro pazienti in meno ricoverati.

Dieci nuovi positivi in provincia di Como e due in provincia di Sondrio, come ci ha informato Elisa Santamaria in televisione. 

E potete leggere moltissimo altro tramite i tag qui sotto.